divisione dei beni

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

divisione dei beni

Messaggio  alessandra.terranova il Dom Lug 01, 2012 6:34 pm

Buongiorno. Vorrei porvi la seguente questione: Sono separata consensualmente da circa due anni e mezzo. Vivo attualmente in una casa in affitto, mentre mio marito è rimasto a vivere nella casa di proprietà con i due figli entrambi maggiorenni. Nell'atto di separazione era stato stabilito che avrei versato una cifra di 350 euro per il mantenimento dei figli, poi ridotta consensualmente ma non formalmente a 300, quindi a 150 visto che uno dei due figli non abita più con il padre ma vive per conto suo. La casa dove mio marito abita è una casa che abbiamo comprato insieme, anche se formalmente appartiene a lui, che è proprietario anche di una seconda abitazione in montagna, ricevuta come eredità. Esiste un atto notarile privato che dichiara che la casa di proprietà è stata pagata anche da attraverso il versamento della rata di mutuo (era stato contratto un mutuo ventennale per l'acquisto). Mio marito sostiene di non riuscire a vendere la seconda abitazione e di non potere però lasciare la prima visto che mio figlio abita lì e che l'altro figlio potrebbe decidere di tornare visto che il suo lavoro non è stabile. Come posso far valere i miei diritti e soprattutto quali sono, in questo caso, i miei diritti? Grazie per l'attenzione che mi vorrete dedicare.

alessandra.terranova

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 01.07.12

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: divisione dei beni

Messaggio  StudioLegaleImperia il Lun Lug 02, 2012 4:06 pm

Buongiorno,

premetto che la risposta al suo quesito, senza valutare la documentazione è alquanto difficile.

Detto ciò, il fatto che uno dei figli viva nella casa del padre, non pregiudica la possibile vendita dell'abitazione fermo restando il principio del diritto al mantenimento dei figli maggiorenni privi dei mezzi di sussitenza.

In ogni caso, secondo quanto da Lei esposto, la scrittura notorile sembra essere un riconoscimento di debito da parte del marito e se il suo credito è ancora esigibile, ha diritto all'azione volta alla restituzione di quanto prestato potendosi soddisfare su ogni bene mobile(anche denaro) o immobile.

Le consiglio di rivolgersi a un legale, che esaminata la documentazione in suo possesso, potrà consigliarle al meglio come procedere evitando possibilmente di sfociare in un contenzioso.

cordiali saluti

_________________
Studio Legale Imperia.

Visita il nuovo forum!.

StudioLegaleImperia
Admin

Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 13.03.12

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum